Ci siamo trasferiti!

Una caprese tra surreale e grottesco